Trattamento di terreni contaminati

La piattaforma combinata per il trattamento di terreni contaminati unisce i vantaggi dell’utilizzo del processo di desorbimento termico per la rimozione dei contaminanti organici (ad esempio gli idrocarburi) a quelli derivanti dall’utilizzo del processo di inertizzazione per la stabilizzazione dei contaminanti inorganici (ad esempio i metalli pesanti). La sezione di desorbimento termico (con potenzialità di 100.000 t/anno) consente il trattamento dei terreni contaminati con temperature operative inferiori a 650 °C; rispetto ad altri sistemi tradizionali di termodistruzione dei contaminanti, esso presenta i seguenti vantaggi:

  • il trattamento può essere esente da emissioni di diossine e furani;
  • il terreno decontaminato conserva ancora le caratteristiche meccaniche originarie e può quindi essere riutilizzato per scopi industriali;
  • i costi di trattamento risultano certamente inferiori.

  • LOCALITÀ
  • Catania (CT)


  • I DATI
  • Tipologia di servizio:
  • progettazione preliminare e definitiva ai fini dell’ottenimento A.I.A. e integrazioni progettuali
  • Periodo di progettazione:
  • 2013


  • DATI TECNICI
  • Superficie del lotto:
  • 4,00 ha

La sezione di inertizzazione (con potenzialità di 50.000 t/anno) sfrutta il processo, ormai utilizzato da decenni, di stabilizzazione-solidificazione delle sostanze contaminanti pericolose all’interno di una matrice solida compatta e stabile nel tempo e di stabilizzazione chimica dei metalli pesanti tramite trasformazione in composti meno tossici. Il processo, attraverso l’utilizzo di opportuni reagenti, cemento e acqua, blocca i contaminanti anche più pericolosi e difficili da trattare, quali il cromo VI, l’ammoniaca, l’arsenico ed il mercurio. L’impianto offre indubbi vantaggi sia in termini di tempi di trattamento (inferiori a quelli di altri sistemi tradizionali) ed economici, riuscendo a convertire un rifiuto pericoloso in non pericoloso, incentivando così le operazioni di bonifica, spesso troppo costose e ambientalmente onerose.